Skip to main content
Scegli l'armonia

Scegli l’Armonia

        Scegli l’Armonia!              

        Considero la mia professione di Formatore e di Coach come l’offerta di un servizio di Benessere. Attraverso l’ascolto e la parola desidero che le persone che incontro entrino in un rapporto sempre più armonioso con se stesse.

         Imitando il grande Socrate, esercito l’arte della maieutica, ossia come un’ostetrica assisto i miei clienti nel loro personale cammino verso la graduale ed autonoma scoperta della verità, la loro  verità. Nella mia attività considero fondamentale ampliare le prospettive in modo da considerare i problemi come opportunità verso soluzioni nuove.

        Coltivando per quanto possibile ad ogni passo l’Armonia interiore, ovvero quella particolare abilità a controllare i pensieri e di determinare per noi stessi come ogni esperienza ha effetto su di noi.

        Scegli l’Armonia! Facciamolo insieme. Vedi, il trucco sta nel ritrovare il proprio swing… Anche Tu, come me, hai perso il tuo swing… Dobbiamo cercarlo. Ora è da qualche parte… nell’Armonia di tutto quello che c’è… di tutto quello che c’era… di tutto quello che sarà.

       Sai, lo swing è quel movimento che si esegue nel golf quando si colpisce la pallina per farla partire verso l’obiettivo. Facendola alzare. Sì, è venuto il tempo di rialzarsi. E i miei Biglietti dell’Armonia sono un abbraccio caldo di fiducia. Per dirti che se vuoi, puoi.

       Se anche tu sei come me, conosci di certo le giornate in salita. Quelle che sono cominciate male e che sembrano farsi più grigie ogni ora che passa. E noi, presi dal malessere che non sappiamo né spiegare né gestire, scivoliamo lentamente verso una tristezza che ci rende insopportabili. A noi stessi prima ancora che alle persone con cui condividiamo il nostro tempo. Lo sappiamo, non sono bei momenti, soprattutto perché sembra che non funzioni niente e che il mondo ci crolli addosso.

       Ma da qualche anno ormai non solo il mondo non mi crolla più addosso, sono io a sorreggerlo un pochino con l’energia che ho ritrovato in me. Sì, quel pomeriggio mi sono detto che dovevo uscire da questi buchi neri e trovare la via per giornate diverse. Dovevo ritrovare il mio swing! Quel giorno mi sedetti e ascoltai il mio cuore… mi parlava di Armonia. Sentii un desiderio forte a fare qualcosa di utile non solo per me ma anche per gli altri.

      Volevo che ogni attimo della mia giornata e delle giornate di ogni persona sulla terra fosse vivo, vivissimo, straripante di vita. Capivo che bisognava partire da quei piccoli momenti della nostra giornata dove ci sono situazioni in cui dobbiamo aspettare, poco o tanto. Quei pochi attimi di vuoto sono spesso un’esperienza devastante, perché la mente si sente quasi smarrita non avendo da seguire le gambe e sbrigare faccende o essere intenta alle occupazioni.

       A volte si ha  paura a non far niente anche per pochi minuti, per evitare di pensare. La conseguenza è la disarmonia in cui galleggiamo, un po’ inconsapevoli di come stiamo vivendo, un po’ narcotizzati dall’attivismo, che funge da rifugio e protezione all’invito giornaliero della vita al cambiamento.

     La parola Armonia mi affascinava. La sentivo vibrare dentro di me e pensai allora a quanto poteva essere utile avere a portata di mano alcune frasi semplici da guardare, in modo che l’occhio fornisse stimoli ai pensieri e questi andassero su immagini belle.

         I Biglietti dell’Armonia sarebbero stati uno strumento semplicissimo destinato a nutrire la vita di desideri, di possibilità, di stimoli. Utilizzabili ovunque, li immaginavo come una sorgente di positività cui attingere con estrema facilità in ogni luogo e in ogni momento della giornata. Nella fucina della mia mente avevo iniziato a vederli. Ne avevo l’immagine mentale sempre più nitida.

        Li vedevo nelle forme e nelle parole. Vedevo la gente sugli autobus e sulle metropolitane di ogni grande metropoli del pianeta leggere i miei Biglietti dell’Armonia. Mi pareva di vedere le mani delle persone, nelle sale d’attesa dei medici, in fila agli uffici postali, aspettando il treno o in qualunque altro momento inattivo, che leggevano emozionate quei biglietti.

       Ah sì, quel giorno lo ricorderò sempre! Ricordo che scrivevo di getto le idee che mi venivano. Stava crescendo la consapevolezza di me e di ciò che è davvero importante nelle nostre giornate. Mi vengono alla mente come fosse oggi quei principi che dovevano ispirare il mio progetto. Volevo fossero chiari perché dovevano essere la strada della mia Armonia… e, se vuoi, adesso della Tua.

Ecco per te questi sette lampi di consapevolezza:

1) Ogni persona sulla Terra merita la vita migliore, realizzando pienamente se stessa.

2) Se questo non accade sempre e per tutti, ciò è dovuto alla disarmonia con se stessi, con le altre persone, con l’Universo.

3) Non c’è però situazione esistenziale che non possa essere cambiata: chiunque può diventare quello che vuole essere.

4) Il cambiamento non è uno sforzo, ma un gioco, non una fatica ma un divertimento, non un impegno bensì una piacevole passeggiata tra i propri pensieri.

5) Ognuno può cambiare se stesso cambiando i propri pensieri, cambiando le sue convinzioni su ciò che crede o non crede possibile per sé.

6) La strada maestra è comunicare con se stessi dicendosi parole nuove, parole che creano una nuova fiducia, che spargono i semi di un nuovo luminoso destino.

7) Le parole lette alimentano fasci di infinite vibranti emozioni, che compongono il mosaico dell’armonia interiore: il resto è solo eterna traboccante bellezza.

  Ti farò una confidenza personale che mi imbarazza un po’. Mentre da un lato l’entusiasmo mi faceva volare con la freschezza di un bambino, dall’altro sentivo voci vecchie che mi volevano riportare con i piedi per terra. Mi dicevano che vivere l’Armonia  è difficile se non impossibile; che nessun biglietto al mondo avrebbe potuto cambiare la sofferenza delle persone; che il mondo è cattivo e bisogna rassegnarsi; che i problemi della gente non si risolvono con l’armonia ma con i soldi; che la facevo semplice, che ero un sognatore, che… che… che…

      Beh, sono contento che abbia vinto il bambino che è in me e che alla fine i Biglietti dell’Armonia siano diventati una Applicazione destinata ad ogni cellulare del mondo! Sì, essi sono solo un semplice strumento per portare ciascuno alla consapevolezza delle proprie infinite possibilità. E quindi alla piena e gioiosa realizzazione di sé.

       Insomma, cercavo di immaginare ogni realizzazione che permettesse di farne una varietà infinita di soluzioni per soddisfare qualunque circostanza. Farne un inno continuo all’Armonia. Volevo con tutte le mio forze che chi li avesse letti dovesse provare l’emozione che quelle parole generavano in lui e così dare avvio a ondate di pensieri e immagini mentali piacevoli. Oggi più che mai sono convinto che poco a poco serenità e armonia possono prendere il posto delle paure e delle preoccupazioni.

       Ho visto quanto semplice sia vedere aprirsi davanti ai propri occhi il cielo dell’Armonia.

       Sai che il Mondo Migliore è possibile.

Sognare il Mondo Migliore

 

Biglietti dell'Armonia - Mauro Turrini

I Biglietti dell’Armonia! Con Te, sempre.

In principio c’eri Tu.

E Tu sei il Cielo e la Terra.

 

     Dopo aver percorso una lunga strada, bussano oggi alla Tua porta i Biglietti dell’Armonia.
Per incoraggiare i Tuoi sogni.
Perché Tu non smetta di credere che è possibile essere la persona che desideri.
I Tuoi occhi attendevano queste parole ed esse ti hanno raggiunto.
Eccoli i Biglietti dell’Armonia. Per Te.

 

     Prendi il tuo cellulare… Nelle Applicazioni, apri Google Play e cerca BIGLIETTI DELL’ARMONIA…

…e scarica gratuitamente la APP

     Oppure, per APPLE, apri lo STORE e cerca BIGLIETTI DELL’ARMONIA…

…e scarica gratuitamente la APP

 

Essi hanno un annuncio di speranza da fare al mondo

 

* Ogni persona sulla Terra merita la vita migliore, realizzando pienamente se stessa.

* Se questo non accade sempre e per tutti, ciò è dovuto alla disarmonia con se stessi, con le altre persone, con l’Universo, con il Creatore.

* La buona notizia è che però non c’è situazione esistenziale che non possa essere cambiata: chiunque può diventare la persona che vuole essere.

* Il cambiamento, poi, non è uno sforzo, ma un gioco; non una fatica, ma un divertimento; non un impegno, bensì una piacevole passeggiata tra i propri pensieri.

* Ognuno può cambiare se stesso cambiando i propri pensieri, cambiando le sue convinzioni su ciò che crede o non crede possibile per sé.

* La strada maestra è comunicare con se stessi e con gli altri dicendosi parole nuove, parole che creano una nuova fiducia, che spargono i semi di un nuovo luminoso destino.

* Le parole lette alimentano fasci di infinite vibranti emozioni, che compongono il mosaico dell’armonia interiore: il resto è solo eterna traboccante bellezza.

 

Un gesto della mano. Un’emozione nel cuore

 

     Un attimo a scorrere quella frase… e sei di nuovo in diretta con la Vita.
Con la Tua.

     Stai per andare in scena e sarà un fluire inarrestabile di emozioni.
Immagina la Tua mano che prende un biglietto. Le Tue dita lo aprono. Lo leggi. E in quelle parole la tua lunga ricerca, come la mia, come quella di tanti, potrebbe incontrare una bella sorpresa.

     Vedi, il trucco sta nel ritrovare il proprio swing
Anche Tu, come me, hai perso il tuo swing…
Dobbiamo andare cercarlo.
Ora è da qualche parte…. nell’Armonia di tutto quello che c’è…
di tutto quello che c’era…
di tutto quello che sarà.

     Lo sai, lo swing è quel movimento che si esegue nel golf quando si colpisce la pallina per farla partire verso l’obiettivo. Facendola alzare.
Sì, è venuto il tempo di rialzarsi. E i Biglietti dell’Armonia sono un abbraccio caldo di fiducia. Per dirti che se vuoi, puoi.

 

Voglia di Benessere. Adesso

 

     I Biglietti sono parole. Nei tempi lontani della loro origine le parole erano magie e, ancora oggi, la parola ha conservato molto del suo antico potere magico.
     Con le parole possiamo rendere felici gli altri. E noi stessi possiamo passare dalla disperazione alla gioia.
Le parole suscitano affetti e sono il mezzo più usato con il quale le persone si influenzano tra loro.
      Le parole di questi Biglietti dell’Armonia erano in un libro. Si parlava di crisi e si era felici di raccontare la sua fine. Si parlava di benessere e si diceva che era possibile crearlo. Innanzitutto dentro di noi.

 

Per buttare alle spalle ogni Tuo fallimento

 

     Se qualcosa nella Tua vita è andato storto. Assolviti da ogni colpa.
Oggi puoi scrivere una nuova pagina del Tuo benessere: basta pensare che il fallimento è solo un insegnamento utile al Tuo miglioramento. Nell’Armonia ti attende il prossimo passo. Il passato non conta più.
     Se nella Tua vita non tutto è andato come volevi, sappi che va bene così. Non intestardirti in rimorsi ormai inutili. Rilassati nella consapevolezza che i fallimenti non esistono. Hai la più grande delle giustificazioni: nessuno te lo aveva detto.
I Biglietti dell’Armonia offrono ad ogni persona sulla terra la possibilità di cambiare le sorti della propria esistenza. Io ho risposto: “Presente”!

 

Per alleviare tutte le Tue paure

 

    Non sei più solo. E la verità è che un biglietto dopo l’altro hai iniziato a innovare i tuoi pensieri. A provare nuove emozioni. A sentire che sei parte di un Universo che ti vuole bene. Fino ad ora forse non lo hai visto questo amore per te, ma ora ti appare luminoso.
     I Biglietti dell’Armonia sono il desiderio che Tu, io ed ogni persona sulla terra conosca l’armonia e viva felice. Tutto qui. Nella semplicità, essi sono la mano tesa al bisogno di realizzazione personale.
     Una piccola ma efficace spinta ad uscire da grandi insoddisfazioni.
Un botta ai cerchi di autolimitazione data da condizionamenti educativi e sociali.
Una ventata di sana comunicazione con se stessi. Non solo, ma con la ricchezza di nuovi argomenti e straordinarie emozioni.
     La Tua paura di cambiare si frantuma. E con essa le Tue vecchie credenza su Te stesso e sugli altri. Niente ti inquieta più. I vapori delle preoccupazioni si diradano e Tu ritrovi il sorriso della fiducia. Con l’Armonia hai vinto: “così ti nutrirai di morte che di uomini si nutre e con morte morta, si estinguerà il morire”.

 

Per confermare che non sbagli

 

     Molti dei tuoi sospetti sono confermati. Ma non è il caso di perderci altro tempo. Hai regione su molti aspetti di questo mondo ed difficile darti torto se hai manifestato rabbia e risentimento per tante situazioni che hai visto e sentito. E nessuno giudichi né Te né me se abbiamo inveito contro ingiustizie assurde e se la nostra collera ha avuto toni aspri. Allora eravamo vecchi.
     No, non ci siamo sbagliati, ma era solo il nostro punto di vista e adesso sappiamo che possiamo farci forti di altre visioni del mondo. Ora sappiamo che l’Armonia conviene.
     Sì, è la più grande soluzione contro l’invecchiamento.
Perché i Biglietti dell’Armonia sono una risposta.
Vuoi che sia la Tua risposta?

 

Per colpire i tuoi nemici

 

     Fai che queste parole diventino la tua spada di luce contro i tuoi nemici. Colpiscili… a vita. Senza pietà, fino a farli risorgere! Scopri in questi biglietti l’arma che annienta i nemici trasformandoli in persone armoniose. Ecco la tua più grande vittoria. Non ti serve infierire però. Ricorda che la magnanimità è il gesto che distingue la nobiltà dei sentimenti.
     Nessun risentimento appesantisca i tuoi occhi. Apriti generosamente al mondo, lasciando cadere ogni motivo di contesa. Stempera i conflitti ispirando le tue relazioni a principi di armoniosa collaborazione e non di competizione. E se di lotta si deve trattare, sia quella di un gioco dove nessuno perde.

 

     Nelle Tue mani hai adesso qualcosa di più prezioso dell’oro. Cosa più simpaticamente utile dei Biglietti dell’Armonia? Guardali e lasciali entrare dentro di Te:

     – sono semplici
     – invertono la tendenza alla negatività
     – sono accessibili a tutti
     – utilizzabili ovunque
     – a un prezzo che tutti possono permettersi
     – con un’ampia varietà di soluzioni.

     Allora, fai la tua scelta. Investi nell’Armonia.
Hai ora la tua grande risorsa: cura e prevenzione nelle parole.
Regala Armonia.
Falli conoscere.

Dove trovarli?

 

     Prendi il tuo cellulare… Nelle Applicazioni, apri Google Play e cerca BIGLIETTI DELL’ARMONIA…

…e scarica gratuitamente la APP

     Oppure, per APPLE, apri lo STORE e cerca BIGLIETTI DELL’ARMONIA…

…e scarica gratuitamente la APP

     Troverai anche una mia Lettera ad accoglierti

      Goditi le emozioni di Armonia e raccontale ai tuoi amici e alle tue amiche.

      Sorprendili!

 

 

2015-08-27 16.28.11

Cambiamento continuo

          Se anche tu sei come me, davanti alla parola “cambiamento” hai un senso di insofferenza. Piccolo o grande che sia il fastidio che ti attraversa non resti comunque indifferente: sai che l’argomento ti riguarda, ma non hai ancora preso la familiarità del caso. Puoi sentire che ci sei già passato almeno una volta o che invece qualche aggiustamento nella tua vita diventa necessario proprio ora. Domani potrebbe essere tardi. E il mutamento di rotta, anche netto, non di rado è un fuori programma.

          Quale che sia la tua età, la tua situazione personale e professionale, la vita ti attende al varco per proporti una curva dove meno te l’aspetti. Non bastasse, non sai come ti apparirà: fortunato se essa è ampia, ben segnalata, visibile e soleggiata. Ma se fosse notte? Ci fosse nebbia, pioggia o neve? Ottimo se puoi contare sul supporto di qualcuno che ti vuole bene, ma se ti trovassi solo? E già stanco della strada fin lì percorsa? Capisci cosa intendo vero?

          Per quel che si sa dall’esperienza comune, almeno una curva importante nella tua vita non potrai evitarla. Di solito sono di più, in ogni caso non potrai ignorare questo cambio di direzione che a tutti prima o poi tocca ed è meglio che tu ne sia consapevole. La posta in gioco è altissima. La tua felicità.

          Cambiare significa passare da una condizione ad un’altra. E tra tutti gli ambiti in cui si dispiega l’esistenza, modificare il proprio atteggiamento mentale è l’opera più impegnativa. Non si tratta infatti di una nuova scelta professionale o famigliare e neppure di un alternativo impegno sociale. Qui si va a toccare il fondo: il tuo modo di vedere il mondo e di starci. E, soprattutto, la tua voglia di vita vera.

        Più ti convinci che la felicità è uno stato di coscienza che non dipende dal possesso di cose e che queste hanno importanza solo quando tu sei davvero signore della tua vita perché ne sei il protagonista, più stai bene. E a quel punto, il cambiamento è una tua scelta. Certo, non mancheranno situazioni che ti forzeranno inaspettatamente a cambiare rotta e alcune potranno essere fatti tragici, tuttavia sarai tu stesso il vigile timoniere sulla nave della tua esistenza.

         Considera che cambiare potrebbe anche piacerti, sai! Immagina che diventi una bella abitudine e fare così del cambiamento continuo un evento che arricchisce la tua vita di nuove emozioni. Un’esistenza che di curva in curva trova la sua linearità creativa di benessere quotidiano. Gustando la bella e consapevole sensazione che anche la felicità è una scelta.

        Nessuna ingenuità, però. Lo sai anche tu che il cambiamento ha spesso il viso truce della paura e farselo amico non avverrà senza una tua decisione. Diceva Einstein che la misura dell’intelligenza è data dalla capacità di cambiare quando è necessario. Il cambiamento, dunque, nella sua essenza profonda fa appello a una capacità.

        E ti dico la bella notizia. Questa capacità la puoi acquisire, coltivando la tua intelligenza. E il primo segno che hai cominciato con successo questa particolare coltura nel tuo orto spirituale sarà capire quando nella tua vita cambiare è, appunto, una necessità. Verità che ti diventerà chiara nella misura in cui avrai desiderio prorompente di novità e ad essa ti aprirai, abbattendo il muro della rassegnazione al già vissuto.

        Non ti voglio nascondere niente e sappi perciò che oltre alla paura che si cela dentro le voci che ti assalgono, da dentro, e ti stordiscono, da fuori, dovrai misurarti con la sindrome del “dopo”. Un terribile morbo che ci affligge quasi tutti e avvilisce le anime e i corpi nel continuo procrastinare quel che invece grida la sua attualità. Se – come si cantava – la vita è adesso, fai la cosa intelligente e scegli di cambiare quando ne hai avvertito la necessità. Non un minuto più tardi. Moriamo a colpi di dopo, portati ad una lenta agonia e sbadigliando tra scorci di vita che nulla hanno più di gradevole da raccontare.

          Parla al presente e vedrai che cambiare sarà la sfida più bella che tu possa raccogliere. Le curve che la vita ti presenta affinché la tua strada porti alla felicità saranno null’altro che opportunità per vedere una direzione diversa, quella che neanche immaginavi. E ti accorgerai che quel che puoi perdere è solo l’attaccamento a ciò che ti implora di lasciarlo andare.

         Quando cresce la consapevolezza che il cambiamento continuo è solo la scelta di stare dalla parte della vita, la conseguenza è il senso di fiducia che trova il suo spazio, prima, e alberga poi stabilmente nella mente e nel cuore. Cominci un nuovo racconto, quello che parla davvero di te. Basteranno allora poche pagine per incontrarla, la felicità. Hai solo osato cambiare ed è accaduto qualcosa di straordinario. Quasi non ci credi neanche tu. Diceva il poeta Goethe che la magia è credere in noi stessi. Se riusciamo a farlo, allora possiamo far accadere qualunque cosa.

       Giurerei che è davvero così.

Tulips

Primavera! Creala dentro di Te

campo di grano 3     Ė primavera! Fuori di sicuro. E dentro di te?

     A volte è sufficiente vedere il sole accecante e sentire il suo torpore sulla pelle che già basta al buon umore. A volte no, perché si è figli prudenti del proverbio antico che dice che una rondine non fa primavera. Vero. Aristotele non è mai banale. Però una rondine che arriva annuncia che ci siamo quasi. Per il buon umore non c’è da strafare: ci sono mille occasioni e motivi per averlo.

L’equinozio di primavera comunque viene, è arrivato: é un evento astronomico retto da una legge collaudata. Di grande valore simbolico per di più. Sì, e hai già capito che si tratta di rinascita.

     Rinascita! Quella della natura è la più appariscente. Dopo il silenzio del letargo invernale torna la voce di tutto ciò che ha vita. Dalla quiete al movimento. Dal freddo ai gradevoli raggi caldi di metà aprile. Risveglio! Ovunque. Oserei dire, tanto generale e vario che anche i sassi sembrano dar cenno di qualche novità. Mi piace l’idea che non ci sia nulla di fermo in questo Universo divino. E tu sei in movimento o stagni ancora nel letargo?

     Ė un ciclo che conosciamo bene quello stagionale dall’inverno alla primavera, ma è piacevole esserne ancora sorpresi. Non essere stanchi di rinascere! Mai. Fa un gran bene alla salute. Ed è così eccitante sentire la vita che ti scorre dentro, luminosa e impetuosa nella sua voglia di innalzarti!

     Non si più stare a guardare da spettatori! No, proprio. Osservare invece sì, da studenti sempre meravigliati e affascinati dal mistero che si svela. Ascolta e ti verrà tracciata la mappa della tua crescita. Niente di più semplice, chiaro ed entusiasmante.

     A primavera si pota, si concima. Si aspetta. Metafora grandiosa del divenire di ogni uomo e donna che camminano nella vita. Nessun anno è mai uguale al precedente, nessun gelo è  forte abbastanza da uccidere. Anche quando pare che sia così, nessuna morte vince mai definitivamente il prodigioso duello con la Vita. Nulla ferma la rinascita del Tutto nelle sue parti. Una parte può restare indietro, assopita nel passato, ma non sarà mai persa. Il presente è il palcoscenico degli eventi. E’ la logica della trasformazione: nulla si crea, nulla si distrugge insegnava il grande chimico. Sì, perché la Vita è energia la cui legge suprema è l’Amore.

     A primavera si pota, si concima e si aspetta. Queste operazioni possono essere fatte anche prima del 21 marzo naturalmente, ma meglio se si cavalca la prima onda del risveglio. Per quanto sia azione di cesoie e seghe, la rimozione di rami secchi o esuberanti è benefica per quel che ne verrà poi. Concimare è offrire un nutrimento adeguato a fiori e frutti di ogni genere e specie.

     E poi aspettare. Lo sai, il miracolo verrà.

     Lo vedi l’insegnamento?

     Poche chiacchiere e percorso limpido. Nessun artificio per una mappa doc tracciata per il tuo compimento. Indicazioni per la tua fioritura. Per la maturazione dei tuoi frutti.

     1. POTARE. Tocca con intelligenza e tatto quei rami che in te sono secchi. Ringraziali per quel che ti hanno dato e toglili senza rimpianto. Scegli anche cosa togliere a vantaggio della forma, della bellezza. Dell’armonia dell’insieme. Decidi cosa vuoi, perché lo vuoi e come lo vuoi: puoi agisci. La potatura è arte. La si impara con pazienza. Non di rado con più di una lacrima. Sarà il primo banco di prova della tua lucidità: resta fiducioso e ne sarai ripagato oltre ogni dire.

     2. CONCIMARE. Non trattenere il tuo grido di affamato: hai bisogno di nutrimento. Te ne servirà un quantità appropriata alla tua fame di vita. Ma cura anche una scelta di qualità: non meriti porcherie. Al contrario, seleziona pensieri positivi e creativi, stati d’animo fatti di fiducia e ottimismo, azioni decise e convinte. Il resto verrà da sé. Alimenta la tua fame di assoluto cogliendo al volo la gioia dell’oggi. Ho già mostrato più volte che è un punto di vista interessante. Oltre che utile ed efficace, naturalmente.

     3. E ADESSO, ASPETTA. Suprema attività, l’attesa. Sono pochi quelli che la esercitano, una rarità i maestri che la insegnano. Eppure essa è la testimonianza della fiducia incrollabile nel risultato. Chi sa attendere ha la chiave di ogni realizzazione personale. Perché sa nel suo cuore che il fiore già c’è. Che il frutto è già maturo. Che la Vita gli ha già elargito tutto.

     La senti la TUA primavera? Ho visto una rondine attraversare i tuoi occhi.

     Abbi fiducia: Ti aspettano grandi cose.

     Con Te. Un abbraccio sempre grande,

     Mauro

2014-12-03 13.17.34

L’Amore di Francesca!

Amore… che non perdona!

Chi lo direbbe? Eppure è una grande legge. Amor, ch’a nullo amato amar perdona. Infrangerla ci espone a scompensi di varia natura. Lo sgarbo all’Amore può costare davvero caro. È invece oltre ogni immaginazione quel che succede quando la risposta è nel bacio degli amanti!

Francesca, Paolo. Un amore che commuove. Una storia che porta alle lacrime ogni anima gentile. Dante ascolta cosa accadde quel giorno. Lo sappia il mondo cos’ è un amore vero! Cosa può accendersi in un istante!

Una donna che si innamora, un uomo con animo gentile innamorato… i loro dolci sospiri. Cominciò tutto con un libro… Raccontava di Ginevra e di Lancilotto e della passione che li avvolse. Ma quel libro fu… galeotto.

L’amore si accende in un attimo nel cuore grande e nobile e subito la gioia dell’incontro illuminò le loro vite.
Francesca lo ricorda bene quel momento.

“Un giorno noi leggevamo per divertimento di Lancillotto e del suo amore; eravamo soli e ci sentivamo innocenti. Più volte ci attirò lo sguardo quella lettura, e ci fece impallidire; ma solo un punto fu quello che ci sconfisse. Quando leggemmo che la bocca desiderata veniva baciata da quel famoso amante”.
Paolo, che mai sia diviso da me, mi baciò la bocca, tremando in ogni sua parte.
Galeotto fu il libro e chi lo scrisse: quel giorno non vi leggemmo oltre”.

Mi inchino a tanta meraviglia! Solo ammirato silenzio!

Una storia. Con un segreto.
Dante lo svela così: Amor, ch’a nullo amato amar perdona!
Sì, l’Amore non tollera che chi è amato non ami a sua volta.

Che Donna fantastica sei stata, Francesca!

Mi inchino a te.

SUL BACIO:

http://www.mauroturrini.it/compi-un-miracolo-con-un-bacio/

WhatsApp

Dove abiti? In WhatsApp.

Nessun bisogno di presentazione: buona parte del pianeta sa cos’è WhatsApp. Lo usa nei più svariati modi: grandi e piccoli sembrano divertirsi e il mondo è – apparentemente – più unito.

Non che i concorrenti scherzino nell’aver spalancato le porte effervescenti delle chat, ma questa piccola icona verde ha un fascino che ha travolto tanti. Sì, qualcosa di particolare. Oltre il fascino della novità.

Anch’io lo uso e lo saluto piacevolmente come una pietra miliare per soddisfare il bisogno sempre crescente di comunicazione, ossia, come la parola stessa dice, mettere in comune. Sì, fare partecipe qualcuno di qualche informazione. Riguardo a se stessi o ad altri. O ad altro. Diceva Calvino che comunicare è condividere. E qualsiasi cosa condivisa raddoppia il piacere.

Sì, siamo ormai nella vertigine della comunicazione: trasmettere, partecipare, diffondere. E, parola magica, appunto condividere. Sfidando i limiti dello spazio e del tempo, sulla strada dell’appagamento della propria inquietudine.

Condividere qualunque cosa: parole e immagini, video e informazioni di ogni genere. Anche – con licenza – innumerevoli stupidate. A qualunque ora del giorno e della notte. In qualsiasi parte del mondo, in pochi rapidissimi secondi. Grande WhatsApp! Grazie comunque anche quando la condivisione ha qualcosa di poco chiaro, intrigante e nascosto, con risvolti emotivi acuti ed intimi. Oppure attuata con secondi fini, con scivolamenti nelle melme torbide delle umane relazioni, dove sono in agguato inganno, raggiro o semplice ingenuità.

WhatsApp, un amore di chat offerto senza costi a tantissimi uomini e donne! E qualcuno se n’è innamorato perdutamente. Alla domanda: “Scusa, dove abiti?” molti non lo sanno ancora verbalizzare, ma vivono ormai lì. In WhatsApp. Si alzano e cominciano la loro quotidiana avventura comunicativa. E relazionale. E tutto il giorno lì, a volte nascostamente al lavoro o a scuola, altre spudoratamente ovunque. Altre ancora con il brivido della curiosità e del proibito.

Ampia o stretta che sia, la ragnatela di contatti si intesse nel corso del giorno. Naturalmente ci sono gli interlocutori privilegiati, sui quali si inserisce sempre qualcun altro per ragioni professionali, familiari o amicali. O semplicemente perché ti vedono on line, o sanno che ci stai volentieri a fare due chiacchiere scritte. E ti perdi mezza mattina in cosucce. Una parte di pomeriggio in ciò che – stringi stingi – non merita più di 5 muniti. Non sempre e non per tutti, il regno dei whatsappisiti è la sera o la notte.

Puoi sapere se il tuo messaggio è stato letto oppure no e da quanto tempo il tuo contatto non accede… Insomma un gioco anche di controllo, soprattutto quando si tratta di figli, mariti o mogli, amanti di vario livello, flirt sovente solo virtuali.

La discriminante nell’uso degli strumenti è la semplice e limpida consapevolezza della loro utilità. Tutti conosciamo il naturale scopo di una matita. Può diventare fatale se infissa invece inopportunamente con violenza in un occhio.

Caro WhatsApp, voglio ringraziarti perché ci sei. Grazie per quel mi hai permesso di comunicare e delle parole, delle immagini bellissime e delle emozioni che ho potuto ricevere attraverso di te.

Ma sappi che per apprezzarti meglio, ti prendo a piccole dosi. Soprattutto non permetterò che il tuo uso inconsapevole mi porti ad abitare da te. Grazie. Io al momento preferisco abitare… da me.

I pochi amici e le pochissime persone veramente care, compresa l’unica che conta davvero tanto nella tua vita… incontrali dal vivo. Scegli il tempo per loro. Sentirai l’energia che ti avvolge: nei legami più profondi sono assenti nodi e corde, eppure nessuno può scioglierli. Che bello!

Se puoi parlare direttamente con chi è parte del tuo cuore, fallo: pur nel rispetto che mai deve mancare, cerca il contatto fisico. Abbraccia, accarezza, guarda, bacia. Se per qualche tempo non è possibile respirarsi … parla al telefono.

Qualche mese fa non era così. I miei contatti giornalieri di WhatsApp era raro che fossero più di uno. A volte potevo trascorrere anche tre giorni senza l’avviso di un messaggio arrivato o senza il bisogno di raggiungere qualcuno. Poi in poche settimane una vera escalation. Mi si diceva… per comodità. Gli sms costano. Le telefonate pure e spesso sono imbarazzanti.

In realtà l’impressione è che stesse affermandosi una nuova forma di narcosi. Un nuovo oppiaceo per addormentare la quotidianità ordinaria (o faticosa o noiosa o tante altre cose che ciascuno può sapere). Così piace sentire il tepore di essere in contatto con qualcuno. Non essere soli. Qualche parola lusinghiera, un po’ di virtualità alla mancanza di coraggio di una vita relazionale da vivere… fisicamente.
Un’opinione, naturalmente.

Canto di chimera quel brusio continuo dall’alba al tramonto e poi di nuovo all’alba, con i telefoni in carica per non perdesi nulla, magari neanche nella notte. Lo scenario è però quello noto… il timore del silenzio. Di vedersi dentro. Di stare in compagnia di se stessi.
Mi piace la tecnologia e in essa vedo l’ingegno umano. Ma per certi versi sono un uomo all’antica e uno dei miei maestri è stato Pitagora. Diceva così:

Uomo che ami Parlare molto:
Ascolta e diventerai simile al saggio.
L’inizio della saggezza è il Silenzio.

E vale anche per le donne naturalmente ricordare che aprendo gli occhi si impara più che aprendo la bocca.
Così io ho fatto la mia scelta. Alle 22, spengo il telefono. Se non fosse per ragioni professionali e di responsabilità lo farei anche prima. Ma bene così.

Caro WhatsApp, ti voglio bene per quel che di nobile comunicazione permetti nel mondo. Hai un grande forza. Perfino i tratti ammalianti di una meretrice cui è difficile resistere.

Ma io non abito da te. Sto molto bene con me.

Mauro Turrini.

Nato il 7 gennaio.

1958. Giorno gelido quel martedì 7 gennaio.

I miei primi 57 anni sono stati belli. Felice di averli vissuti così.

Non avrei potuto viverli altrimenti. Sono stati i miei.

Sono l’unico e totale responsabile di ogni mio istante.

Di tutti gli istanti. Infiniti, eppure Nulla.

Ora sono avvolti nel Vuoto divino dove tutto è luce.

Grazie, giorni fatati, che mi avete portato qui su ali d’aquila.

Figli della Conoscenza di ieri, inchinatevi oggi al Mistero!

 

I prossimi 57 saranno meravigliosi. Oltre ogni immaginazione.

Perché è destino così. Nella consapevolezza del Sì.

Nell’incontro che avvolge di Luce

Da innamorato dell’Amore.

In fondo all’anima. Nel Noi divino.

Dove tutto si può.

Ora.

Estasi.

005

Credi che sarà felice quest’Anno Nuovo?

Nel periodo di Natale e  di Capodanno si vivono momenti unici nell’anno. Perché le persone hanno qualcosa che non hanno in altri momenti. O forse sì, ma nei giorni della luce nuova e del nuovo gennaio si esprime di più e meglio lo stato d’animo della speranza. Sentimento umano che accomuna nella fiducia che tutto andrà meglio.

E si assistono a siparietti inediti e simpatici tra le bancarelle o si rivivono scene lette in qualche libro molti anni prima. Comunque sia, è istruttivo per ogni mente aperta ascoltare le persone che comunicano le loro speranze. Le speranze racchiuse nel loro cuore, fatte di parole che portano a riflessione. Parole attraversate spesso dal desiderio di un po’ calore nel gelo di pensieri infreddoliti dalla sfiducia.

Su un banchetto fatto di cavalletti e assi ricoperte di un panno rosso vivo, erano disposti attraversati ad arte da strenne dorate decine di calendari di ogni dimensione e prezzo. Un signore già brizzolato con cappello e sciarpa e dalla voce squillante richiamava l’attenzione dei passanti:
“Calendari, calendari per il nuovo anno.  Lunari e calendari nuovi”. Mi sono ricordato di un dialogo avvenuto in circostanze simili parecchi anni fa tra un venditore e un passante. Accadde più o meno questo:

Vend. : Non ha bisogno, signore, di un calendario?
Pass. : Sono i calendari per l’anno nuovo?
Vend. :  Sì, signore.
Pass. : Lei crede che sarà felice quest’anno nuovo?
Vend. : O, caro signore, sì, certo.
Pass. : Come quest’anno passato?
Vend. : Di più. Molto di più.
Pass. : Come quello prima allora?
Vend. : Di più anche di quello, certamente.
Pass. : Ma come qual altro? Non le piacerebbe che l’anno nuovo fosse come qualcuno di questi ultimi ultimi?
Vend. : Per la carità, non ne parliamo neppure. Non vorrei proprio.
Pass. : Posso chiederle quanti  anni nuovi sono passati da quando vende calendari?
Vend.:  Non saprei dirle di preciso, ma penso che saranno più o meno vent’anni.
Pass. : A quale di questi vent’anni vorrebbe che somigliasse l’anno venturo?
Vend. : Io? Non saprei.
Pass. : Non si ricorda di nessun anno in particolare, che le  sembri essere stato felice?
Vend. : Se vuole che sia sincero, no.
Pass. : Eppure la vita è una cosa bella. Non è vero?
Vend. : Ah, beh sì, questo si sa.
Pass. : Voglio farle una domanda: non tornerebbe lei a vivere questi ultimi vent’anni, e anche tutto il tempo passato, cominciando tutto dalla nascita?
Vend. : Eh, caro signore, piacesse a Dio che si potesse farlo.
Pass. : Ma anche se avesse a rifare la vita che ha fatto, né più né meno con tutti i piaceri e i dispiaceri che ha avuto?
Vend. : No, no, questo non lo vorrei proprio.
Pass. : Non capisco. E che altra vita vorrebbe rifare allora? La vita che ho fatta io o quella di un ricco o di chi altro? O non crede che sia io che un ricco e chiunque altro risponderebbe proprio come lei? E che nessuno vorrebbe tornare indietro a fare la stessa vita che ha fatto?
Vend. : Lo credo proprio.
Pass. : Neanche lei tornerebbe indietro a questa condizione, non potendo naturalmente fare in altro modo?
Vend. : No, caro signore. No davvero, non tornerei proprio indietro.
Pass. : Ma allora che vita vorrebbe lei?
Vend. Vorrei una vita così come Dio me la mandasse, senza altre condizioni.
Pass. : Dunque una vita a caso, senza sapere niente in anticipo, così come non si sa niente dell’anno nuovo?
Vend. : Appunto.
Pass. : E quel che vorrei anch’io  se potessi rivivere. E così tutti.
Però da questo capisco che il caso, fino a tutto quest’anno, ha trattato tutti male. E si vede chiaro che ciascuno ritiene che fino ad ora sia stato più o di maggior peso il male che gli è toccato che il bene: con la condizione di riavere la vita di prima con tutto il suo bene e il suo male, nessuno vorrebbe rinascere.
Quella vita che diciamo essere una cosa bella, non è la vita che si conosce, ma quella che non si conosce. Non la vita passata, ma quella futura.
Ma con il nuovo anno, il caso incomincerà a trattar bene lei e me e tutti gli altri, e comincerà per tutti una vita felice. Non è vero?
Vend. : Speriamo.
Pass. : Allora mi mostri il calendario più bello che ha.
Vend. : Eccolo, caro signore. Questo costa settanta euro.
Pass. : Ecco a lei i settanta euro.
Vend. : Grazie infinite e a rivederla. Calendari, calendari nuovi. Calendari per il Nuovo Anno.

Avrai riconosciuto qui, pur con qualche adattamento, quel racconto di Giacomo Leopardi che abbiamo letto da ragazzi a scuola. Forse allora pensavamo che fosse un’altra pagina di un pessimismo che ci piaceva poco. Oggi possiamo vederci qualche insegnamento utile alla nostra crescita. Alla crescita della nostra consapevolezza riguardo alla Vita.

Due uomini e un calendario. Un nuovo anno. Domande. Tu risponderesti allo stesso modo?

Domande sulla vita. E come sempre un vortice di emozioni tra passato e futuro. Tra quel che non si vuole più e quel che si spera. Tra una storia da non ripetere e un nuovo scenario di felicità sperata. Illusione? Dipende da te. Tutto dipende da te. Davanti a questo dialogo dovrai fare le tue scelte.
Io mi sono posto tre serie di domande… pratiche. Le pongo a te, fiducioso che possano esserti di aiuto.

1. Cosa credi del tuo passato? Pensi che non sia stata bella la tua vita fino ad ora? Più male che bene? In ogni caso da non rivivere? Le risposte che darai saranno importanti per la tua crescita. La rabbia ti frenerà, il perdono ti porterà in alto. In ogni caso, sappi che è stata la TUA vita. Ringrazia tutti gli anni che hai vissuto. Amali per quel che ti hanno dato.

2. Cosa ti aspetti dal futuro? Continui ad avere la speranza vaga e confusa che le cose andranno meglio? Stesso film degli anni precedenti a raccontarti illusioni? Ricorda che crescerai se il futuro non sarà la riedizione camuffata del già accaduto e sceglierai l’assunzione della responsabilità sui tuoi atteggiamenti mentali, adesso. Sii consapevole che il futuro non esiste. Comunque non ancora. Scegli il presente.

3. Da dove pensi di cominciare? Da dove vuoi far iniziare il nuovo corso della tua vita? Hai una pluralità di scelte naturalmente, ma scegliere quella prioritaria ti renderà più agevole l’avvio. E il seguito del cammino. Perché non cominci da te? Riparti da te: mi pare una buona idea.

E per il calendario puoi spendere quanto vuoi. Uno bello fa effetto.

Io ne ho scelto uno con un giorno solo.

Mi piace ricordarmi che esiste solo il Presente.

Un abbraccio.