Yoga della risata. Approfondimenti.

VUOI CONOSCERE ANCORA MEGLIO LO YOGA DELLA RISATA?

Seguimi in questa pagina e conoscerai ogni aspetto. Procediamo per punti.

1. LA RISATA TERAPEUTICA

Allo Yoga della risata si è arrivati accogliendo l’esperienza e le idee di alcune persone che hanno intuito e sperimentato la capacità terapeutica della risata.

Basta pensare allo scrittore Norman Cousins e allo psichiatra W. Fry con suoi studi scientifici sui benefici della risata per rendersi conto della “serietà” della risata terapeutica. Il Dr. Lee Berk ha poi compiuto ricerche importanti di psico-neuro-immunologia (PNI) dimostrando i benefici fisici della risata gioiosa. E come non pensare al Dr. Hunter (Patch) Adams, l’ideatore dei clowns terapeutici negli ospedali di tutto il mondo?

Tutti questi ebbero una grande intuizione, ma essi contavano sull’umorismo per creare o studiare gli effetti della risata.

Una novità sorprendente arriva nel 1995 ad opera del Dr. Madan Kataria.


Mauro Turrini – Storia dello Yoga della risata – audio 1

 

Il Dr. Madan Kataria, fondatore dello Yoga della risata

2. L’IMPORTANZA DELL’OSSIGENO

Importantissima l’affermazione del Dr. Otto Warburg, Presidente dell’Istituto Fisiologia Cellulare, premio Nobel della medicina, sull’importanza dell’ossigeno:

“Tecniche di respiro profondo aumentano l’ossigenazione delle cellule e rappresentano un modo per liberarsi da malattie e energizzare la propria vita. Quando le cellule sono ossigenate abbastanza non si svilupperanno tumori”.

  • PIÙ OSSIGENO DALL’ESPIRAZIONE

La principale caratteristica della respirazione yogica  (Pranayama) sta nel fatto che l’espirazione sia più lunga della inspirazione, così da far espellere l’aria residua dai polmoni che poi verranno nuovamente riempiti di aria contenente un alto livello d’ossigeno.

Una normale inspirazione riempie appena il 25% dell’intera capacità dei nostri polmoni (volume di aerazione), il restante 75% (volume residuo) resta pieno d’aria stantia. La respirazione, sotto stress, diventa ancora più scompensata.

Al fine di mantenere in salute i nostri polmoni e fornire ossigeno sufficiente al corpo per  raggiungere potenzialità maggiori, dobbiamo fare respiri profondi e far uscire l’aria stantia dai polmoni.

Il segreto di un profondo respiro è quello di espirare pienamente. Conseguentemente si riuscirà a inspirare aria più fresca dopo lunghe espirazioni.

La risata è il metodo più veloce e facile per espirare più a lungo e ripulire i nostri polmoni.

  • METTI IN ESERCIZIO IL TUO DIAFRAMMA

La maggior parte degli esercizi di risata e di respirazione yogica ha lo scopo di stimolare il movimento del diaframma e dei muscoli addominali, che promuovono l’attività del sistema parasimpatico, determinante nel rilassamento del sistema nervoso centrale.

Al contrario il sistema simpatico evidenzia lo stato d’usura, derivante dallo stress.

Il sistema simpatico messo in funzione dallo stress può venire bloccato con l’apprendimento di come muovere il diaframma.

  • LO YOGA DELLA RISATA – PER UNIRE LE PERSONE

La risata incondizionata avvicina persone di differenti culture e  paesi, e non importa quali lingue esse parlino o come vivano. Lo Yoga della risata favorisce una forte intesa fra quelli che ridono insieme così da formare legami di tipo parentale fornendo interazioni sociali e reti di lavoro  essenziali per la felicità.

Lo scopo dello Yoga della risata è quello di far incontrare la gente così da instaurare un legame affettivo senza pregiudizi – che è il vero significato dello Yoga.

  • LO SPIRITO PROFONDO DELLA RISATA

Lo  Yoga della risata va oltre la risata. Il Dr. Kataria ha sviluppato (e continua a sviluppare ) tecniche per stimolare la giocosità infantile, per migliorare le componenti aerobiche e di stretching e per  promuovere il flusso e  il rilascio di emozioni .

Lo Yoga della risata può migliorare la salute fisica, può liberare da pensieri o da emozioni negative e ci può mettere in contatto con la nostra natura spirituale. Ci aiuta a sviluppare atteggiamenti di perdono, generosità , compassione e ci aiuta nella ricerca della felicità altrui.

Lo Yoga della risata produce dei cambiamenti inaspettati – che sono:

  • Cambio da “io voglio” / prendo/ egoismo ad uno stato di amore /cura/donare agli altri e di conseguenza un aumento dell’empatia e partecipazione verso il gruppo della risata, ma anche verso gli altri al di fuori.

  • Abilità nel ridere delle cose che in precedenza avrebbero causato stress o rabbia, proprio per il fatto di aver ottenuto quel senso di “perdono”.

Siccome tutti noi cerchiamo felicità, dobbiamo essere concentrati nel veicolare felicità a quelli intorno a noi – ciò è essenziale per rimanere felici.

Lo spirito profondo della risata promuove l’idea di “riconoscenza” e di “perdono” che è fondamentale per avvicinarsi alle persone e confortare il loro spirito, rincuorarle per aumentare la loro felicità ed anche la propria .

Combinati, questi principi possono darci una potente esperienza di rinnovamento che noi chiamiamo lo “Spirito profondodellarisata”.


3. LE CARATTERISTICHE DELLO YOGA DELLA RISATA

Mauro Turrini – Caratteristiche dello Yoga della risata – audio 2

4. FISIOLOGIA E PSICOLOGIA DELLA RISATA

Le risate in  gruppo fatte di cuore producono effetti a breve e lungo termine sulla nostra mente e sul corpo.

ANTISTRESS

Ridere è un inibitore dello stress con diminuzione dell’ormone legato allo stato di stress ed anche dei livelli di peptide (l’effetto è immediato e duraturo). Recenti studi su un gruppo di 50 persone a Bangalore, in India , hanno evidenziato che i livelli di cortisolo scendevano in maniera significativa dopo le sessioni di Yoga della risata.

ORMONI DEL BENESSERE

La risata stimola il rilascio di endorfine, un oppiaceo naturale dell’organismo che risulta scientificamente importante nell’inviare messaggi d’affettività e di voglia di relazione (termine scientifico per “amore”), stimolando anche il senso di attenzione verso gli altri e il perdono. Inoltre agisce come un naturale antidolorifico. Le endorfine producono uno stato positivo della mente e un sostanziale ottimismo, autostima e senso di “essere capace”.

SISTEMA IMMUNITARIO

  • Ridere rinforza il nostro sistema immunitario immediatamente, con aumento dei livelli dei linfociti antivirali  anche capaci di debellare il cancro. Lo Yoga della risata innalza i livelli di immunoglobulina A ( IGA), che è la prima a difenderci contro gli attacchi virali che producono infezioni come tosse o raffreddori.

  • Il Dr. Lee S. Berk  scoprì che la risata attenua gli ormoni legati allo stress e modifica l’attività delle cellule NATURAL KILLER (le cellule naturali sentinelle che ci proteggono da ogni infezione virale e   anche   dal   cancro),   risultando   immunomodulatrice.   Le   ricerche   di   Berk sono state affiancate e sostenute da Labott, il quale conclude che la risata aumenta lo stato  d’immunità.  In  una  ricerca  presso  l’università di  Waterloo in Canada  si  è documentato come la risata elevi i livelli di immunoglobulina IgA e IgG . Norman Cousins asserisce anche che la risata serve come deterrente contro l’insorgere di patologie.

OSSIGENO ED ESERCIZI AEROBICI

  • La risata conferisce un eccellente sostegno cardiologico e un buon funzionamento psico-fisico.

  • Il Dr. Fry asserisce che la risata è un ottimo esercizio aerobico. Un minuto di risata piena equivale a 10 minuti di jogging o di vogatore.  Lloyd ha mostrato come la risata sia il prodotto di una profonda inspirazione seguita da una piena espirazione: si attua così un’ ottima ventilazione, da cui un senso di rilassamento e di benessere.

AUMENTO DELLA CIRCOLAZIONE

  • La risata determina un “jogging interno” che massaggia e favorisce la circolazione sanguigna a livello  del sistema linfatico e digestivo. Un jogging in cui non si sente la fatica e il corpo sta meglio. Non si penserebbe, ma il ridere mette in funzione più della metà dei nostri muscoli, dagli addominali a quelli della schiena e a tutto l’apparato pelvico.

  • L’aumento del flusso sanguigno aiuta l’espulsione delle scorie dal nostro corpo, fornendoci l’energia per operare ai massimi livelli.

  • L’aspetto del nostro viso, in conseguenza dell’aumento del flusso sanguigno, migliora e diventa più radioso e luminoso. Si riducono le rughe e la tonicità dei muscoli facciali ci rendono più giovani.

INTELLIGENZA EMOTIVA

  • Nei bambini il gioco di gruppo è determinante nello sviluppo dei successivi rapporti interpersonali e nel quadro dell’intelligenza emotiva. La mancanza di gioco di gruppo provoca una deficienza interpersonale che a lungo andare crea problemi sociali, fisici ed emotivi.

  • La risata promuove comportamenti di gioco infantile. Le nuove ricerche mostrano che l’attività ludica negli adulti contribuisce all’apprendimento ulteriore di interazioni sociali e migliora l’intelligenza emotiva.

DINAMICHE DI GRUPPO

  • Nel  nostro  cervello  dei  neuroni  specchio  fanno  in  modo  che  gli  stati  emotivi  delle  persone  con  cui comunichiamo siano avvertiti anche da noi. Stare con gente che ride facilita la nostra risata.

  • Ogni volta che stabiliamo un contatto visivo con l’altro che sta ridendo , i nostri ormoni specchio ci fanno imitare l’azione. Ciò aumenta la concentrazione ormonale legata alla risata e i neuropeptidi presenti nel sangue riducono lo stato di stress.

MIGLIORAMENTO DELLE INTERAZIONI SOCIALI

  • Il numero delle interazioni sociali che un individuo ha in una giornata è indicatore del suo stato di salute, benessere e longevità.

  • Lo Yoga della risata, specialmente nei nostri centri sociali, favorisce lo stabilirsi di relazioni interpersonali ed è fra i primi motivi che determinano uno stato di felicità diffuso (dopo nutrirsi e vivere in una casa).

CATARSI

  • Liberando le emozioni, la risata è capace di smuoverne altre intrappolate dentro di noi. Le emozioni represse causano a lungo andare problemi emotivi e mentali. Il liberarsi di certi stati emotivi cambia la vita. La risata è un eccellente metodo pacifico che favorisce la catarsi e la liberazione emozionale.

ANTIETA’

  • Molti praticanti da lungo tempo dichiarano che l’esercizio facciale della risata riduce le rughe e tonifica la muscolatura e la compattezza dell’incarnato, conferendo loro  un aspetto più giovane.

    • L’esercizio, è risaputo, rallenta il processo d’invecchiamento. Lo Yoga della risata è un esercizio divertente e facile per gruppi di tutte le età ed ha caratteristiche per catalizzare l’attenzione.

Molto bene! Molto bene! Yeah.

Hahahahahahahahahaha!

5. I BENEFICI DELLO YOGA DELLA RISATA

Mauro Turrini – Benefici dello Yoga della risata – audio 3


6. UNA SESSIONE DI YOGA DELLA RISATA

La sessione varia a seconda del gruppo e degli obiettivi. Le sessioni condotte negli  ospedali, nelle case di cura, nelle scuole, per gli anziani o negli uffici differiscono dal tipo di sessioni eseguite generalmente in pubblico.

IN GENERALE

  • Le sedute dello Yoga della risata sono condotte da un Leader della risata o da un insegnante (Teacher), che ha il controllo, spiega e e fornisce le indicazioni per iniziare oppure concludere determinati esercizi.

  • Il Leader guida i partecipanti ad iniziare o finire insieme gli esercizi  al fine di dinamizzare il gruppo.

  • I partecipanti, muovendosi durante le sedute,  stabiliscono una continua intesa di sguardi con gli altri del gruppo.

  • L’obiettivo delle sessioni è quello di produrre un senso di gioia nell’eseguire gli esercizi, senza nessuna forzatura.

  • Ci si impegna, con gli esercizi dello Yoga della risata, a ripristinare la giocosità infantile.

ESERCIZI DI RISCALDAMENTO E DI BATTITO DELLE MANI

  • Battere le mani in modo che i palmi si tocchino stabilendo un contatto di dito con dito e di palmo con palmo, stimolando i punti di agopressione nelle nostre mani per incrementare il livello di energia.

  • Il ritmo è aggiunto al battito delle mani per aumentare l’energia e la sincronicità del gruppo, spesso  è un ritmo di 1- 2 oppure 1-2-3.

  • Viene poi aggiunto il movimento. Ci sono molte varianti: le mani si muovono verso l’alto, si abbassano, si spostano da un lato e poi dall’altro mentre si muovono anche piedi e gambe.

Il battere le mani è molto più gioioso se accompagnato ai movimenti del corpo, come la flessione del ginocchio, oppure il movimento del capo in modo ritmato. Questo si trasforma in danza. Da questo momento tutti sono pronti a star meglio con l’umore e a sorridere.

CANTO E MOVIMENTO

  • Un canto semplice s’aggiunge al battito di mani, normalmente Ho-Ho. HA. HA HA. Sono forti espirazioni che nascono dall’addome e stimolano la respirazione diaframmatica.

  • Muoversi come si vuole, a piacimento, sorridendo e stabilendo un contatto visivo con gli altri del gruppo.

  • La gestualità della danza incrementa la gioia e la felicità.

Applausi entusiastici, canto e movimento aiutano a costruire un’energia positiva, ottenendo il movimento del diaframma si  crea un gruppo positivo e dinamico pronto alla risata.

GIBBERISH

Il Gibberish è una lingua di suoni senza alcun significato. I bambini parlano gibberish quando imparano a parlare e mentre giocano. Gibberish  può essere usato come esercizio di riscaldamento per lo Yoga della risata affinché le persone si rilassino e si riducano timidezza e inibizioni.

Molte persone asseriscono che gibberish dia l’opportunità di comunicare assai meglio gli stati di felicità, rabbia, tristezza, tenerezza, ecc. E’ un semplice esercizio che aiuta a ritrovare la giocosità infantile.

Gibberish può essere veloce o avere la velocità di una normale conversazione. Generalmente comporta un’attenzione sul tono, in più il movimento del corpo e delle mani completa il quadro di comunicazione.   Gibberish silenzioso è anche divertente e risulta ad alcuni più facile.

ESERCIZI DI RESPIRAZIONE PROFONDA

Gli esercizi di risata vengono intervallati da esercizi di respirazione profonda per far uscire dai polmoni l’aria stantia e favorire il rilassamento mentale e fisico.

Un tipo di esercizio di respirazione profonda:

  • Da una posizione rilassata in piedi, inclinare il busto in avanti fino a sentirsi a proprio agio (differisce da persona a persona) e nel frattempo espirare dalla bocca per vuotare completamente i polmoni. Le braccia restano sciolte. Tale posizione d’inclinazione del busto spinge il diaframma in alto, favorendo lo svuotamento dei  polmoni. Questa postura è di breve durata.

  • Raddrizzarsi lentamente inspirando attraverso il naso, il respiro è il più profondo possibile. Sollevare le braccia verso il cielo, allungare il corpo e sollevare il capo verso l’alto. Contare fino a tre.

  • Espirare lentamente mentre le braccia sono abbassate e curvarsi come nella posizione di partenza. Cercare di espirare più a lungo dell’inspiro, al fine di svuotare del tutto i polmoni. Trattenere per poco e ripetere almeno 1 volta.

  • Una simpatica variante è  espirare con una risata di cuore.

GIOCOSITA’ INFANTILE

Uno degli obiettivi dello Yoga della risata è quello di coltivare la giocosità infantile, che ci aiuta a ridere senza motivo. Un canto felice da eseguire dopo un esercizio:

  • Molto bene (segue battito di mani);  Molto bene (segue battito di mani);  YEAAAAAAAH (agitando le braccia in alto e mostrando il pollice alzato per comunicare uno stato di esuberante ilarità).

CONTATTO VISIVO

Il contatto visivo tramuta la risata forzata in una risata vera.

Mentra facciamo gli esercizi incoraggiamo tutti i partecipanti a muoversi liberamente, invitandoli a uno scambio gentile e amichevole degli sguardi.

Durante le sessioni sedute s’incoraggia la gente al contatto visivo disponendo le sedie una di fronte all’altra, oppure in modo da poter incontrare gli occhi del vicino.

Al fine di promuovere il contatto visivo si cerca di tenere il gruppo raccolto .

ESERCIZI DI RISATA YOGICA

Alcuni esercizi si basano sulla respirazione yogica (Pranayama), altri si basano sulle posture Yoga, inclusa la sempre popolare risata del leone simile alla risata ruggito del leone.

La risata Calcutta  risulta una variante simile all’esercizio di Pranayama Kapalbhati.

ESERCIZI DI RISATA IN ALLEGRIA

Questi aiutano a ridurre la timidezza e le inibizioni e a trasformare la risata simulata in quella incondizionata. Si avvale di tecniche per mezzo delle quali siamo capaci di immaginare, e sostenere, dei ruoli come gli attori.  Sono famose: la risata lunga un metro, la risata del frappè, la risata del cellulare, la risata della zuppa calda.

ESERCIZI DI RISATA CON VALORE SOSTANZIALE

Hanno come obiettivo la creazione di un atteggiamento positivo rappresentato da gesti e situazioni e nel medesimo istante la risata insegna al nostro subconscio come rispondere a certe sollecitazioni. Le più famose sono: la risata Visa Card, la risata dell’apprezzamento, la risata del saluto, la risata del perdono.

ESERCIZI DI RISATA CON GINNASTICA

Alcuni gruppi uniscono semplici esercizi fisici ai momenti di risata, specialmente quando le sedute sono di mattina per gente anziana e gruppi speciali. Gli esercizi tendono a favorire il movimento del corpo con stretching, a ridurre problemi cervicali, la rigidità del collo , il blocco delle spalle ed altre sofferenze dell’età avanzata.

Alcuni gruppi di Yoga della risata compiono esercizi di risata in un modo più energetico e sviluppano esercizi altamente energizzanti (come il Power Yoga). Si ha un rinvigorimento e una produzione sempre maggiore del livello di energia.

Molto bene! Molto bene! Yeah

7. MEDITAZIONE DELLA RISATA

Tutti gli esercizi dello Yoga della risata possono essere seguiti dalla meditazione. Durante tale fase la risata sgorga da noi come l’acqua da una fontana ed è una delle esperienze più spontanee e intense, tanto da superare gli stessi esercizi della risata.

PER IL RAGGIUNGIMENTO DELLO STATO MEDITATIVO

Basta sedersi comodamente in modo che ogni singolo del gruppo possa guardare negli occhi gli altri. Non ci deve essere dispersione nel gruppo.

Assicurarsi che ognuno possa comunicare in vari modi con gli altri (messaggi di sguardi, facce strane, suoni particolari). La parte cosciente della mente sarà disinnescata.

Sedere in silenzio, occhi chiusi, mantenere la consapevolezza del respiro. Dopo il silenzio, aprire gli occhi e sedere in posizione di relax (non necessariamente in una postura Yoga).

Si inizia a simulare una risata dapprima lentamente, fino a giungere alla risata graduale. Presto si otterrà una risata genuina e ne seguiranno altre. Se ciò non avvenisse, si alternano momenti di silenzio con esercizi pranayama per stimolare il diaframma finché non si otterrà la risata naturale, allora ci si stende e si fa fluire la risata.

Avviene che durante la meditazione certe persone sperimentino momenti di forte catarsi. Ciò è positivo perché liberano le emozioni e le problematiche che le affliggono da anni. La risata può causare le lacrime e a volte anche la rabbia e certi stati emozionali si liberano dando luogo ad una catarsi non violenta, proprio per mezzo delle lacrime. Se accade ciò, bisogna lasciar fluire l’emozione e non andare a confortare la persona.

La risata spesso è a ondate. Il Leader può far ridurre la risata e poi usare tecniche per ricominciare, talvolta a cicli. Il miglior modo per stimolare la risata è quello di chiedere silenzio. Gioverà non protrarre a lungo tale condizione, in quanto può essere un’esperienza forte fisicamente ed estenuante emotivamente.

Il Leader condurrà in maniera dolce le persone dallo stato meditativo al silenzio, focalizzando l’attenzione sul loro respiro. La risata continuerà a “gorgogliare” ma il leader dovrà guidare il gruppo al fine d’indirizzarlo verso lo stato di relax. La durata del relax dipende dal gruppo, dall’intensità della seduta , dall’ora e da altri fattori.

Non è possibile fare la pratica della meditazione con i bambini, che si distraggono facilmente. La meditazione della risata si attua più che altro in luoghi chiusi dove le distrazioni risultano minori.

Il Leader ha cura di spiegare ai nuovi partecipanti che la risata molto spesso non arriva né alla prima e neppure nelle primissime sedute meditative. Si chiede infatti di partecipare senza aspettative, ma solo con rispetto e volontà di fare. Nel caso non avvenisse la risata, i partecipanti dovranno restare silenziosi e concentrarsi sul respiro. Dovrebbero ridere sommessamente, cercando di liberare la loro mente dai pensieri, solo godendo del suono e dell’energia provenienti dalla gente intorno che ride, fino alla fine della seduta.

ESERCIZI DI RI-BILANCIAMENTO DOPO LO YOGA DELLA RISATA

Durante lo Yoga della risata, gli esercizi stimolano la circolazione sanguigna, aumentando per un breve periodo la pressione arteriosa che potrà poi tornare a livelli al di sotto del normale. I muscoli si contraggono durante una seduta per poi tornare ad uno stato di rilassamento. Ne consegue che i benefici della risata non ci sono nella fase di stimolo ma nella fase di rilassamento.

Nel corso dei 15 anni di esperienza con lo Yoga della  risata  si sono incontrate  persone che, pur ridendo di cuore nelle sedute, specialmente nelle meditative, avvertivano un senso di instabilità e di “svuotamento” nei momenti successivi. La risata è un’energia dinamica potente, che può aprire il vostro subconscio e liberare delle pulsioni e dei sentimenti repressi. Dopo un certo numero di sessioni alcune persone a volte divengono tristi ed iniziano a piangere di fronte agli altri, altre si arrabbiano, diventano irascibili, manifestano insomma emozioni negative. Perciò è necessario attuare gli esercizi guida dopo le sedute dello Yoga della risata per normalizzare la nostra parte emotiva e indurre il rilassamento.

Segnalo due tecniche che funzionano bene per stabilizzare l’energia della risata.

1)    RILASSAMENTO GUIDATO

Dopo la meditazione della risata l’energia può raggiungere picchi altissimi per poi tornare alla normalità. Al fine di ridurre questi livelli, il Leader potrà rivolgersi al gruppo con tecniche di rilassamento guidato, chiamate Yoga NIDRA o sonno yogico. Questo “giro del corpo” guidato fa raggiungere un grande stato di rilassamento, portando profonda consapevolezza delle diverse parti del corpo in base alle parole  del Leader. Non c’è un’unica sequenza per condurlo: ci si sdraia supini, i palmi delle mani rivolti verso l’alto, le gambe leggermente divaricate… e una voce guida al rilassamento di tutti i muscoli. Un’esperienza paradisiaca!

2)    HUMMING

Ad occhi chiusi, si fa un respiro lungo  e si dice: “HUMMM….”  con le labbra chiuse. Si avvertono vibrazioni nei muscoli facciali, nei seni facciali e alla testa. È utilissimo per coloro che soffrono di sinusiti e narici chiuse perché l’Humming provoca vibrazioni che scuotono il muco ed aumentano l’afflusso di sangue. Il Dr.Kataria racconta : “Quando ero in Danimarca, per le mie lezioni di Yoga della risata a Copenaghen nel 2005, invitai alle sedute il mio amico Andreas, di Malmo in Svezia. Faceva parte di un’ équipe che praticava il BIO-feedback, una metodologia creata dal Prof. Bo, uno  svedese  dell’Istituto  Karolinska,  per  fronteggiare  gli  stati di  stress. Misurammo i  battiti  cardiaci  e  le  loro variazioni, allo stesso modo operammo sul valore dell’anidride carbonica, dell’ossigeno, sul respiro e sulla pressione arteriosa di tutto il gruppo dello Yoga della risata. Tutto questo per un periodo di 2 giorni.

Durante la pausa mi sottoposi alla diagnostica del mio corpo. Collegato alla macchina che ne misurava i valori, eseguii lo Yoga della risata e gli esercizi di respirazione al fine di individuare quali fossero i più benefici. Rimasi sorpreso nello scoprire che fare HUMMING  sommessamente faceva diminuire  la  pressione sanguigna nell’arco di 1 minuto di oltre 20 mm”.

Lo Humming a labbra chiuse risulta di forte impatto sul nostro sistema nervoso attivando il sistema parasimpatico indispensabile per lo stato di relax.

L’esercizio migliora se eseguito in gruppo, è necessario praticarlo in sincronia con i compagni seguendo le istruzioni del Leader . L’Humming a labbra chiuse  è davvero calmante. Dipende dalle persone la capacità di durata di tale esercizio, alcune riescono a farlo durare più a lungo di altre. Coloro che lo stanno eseguendo chiedono agli altri di rifarlo facendoli inspirare bene prima della ripetizione. Questa fase di ri-equilibrio  è consigliata per un tempo di 10 minuti.

3) DANZARE HO HO HA HA

Anche la danza è un ottimo esercizio di ri-equilibrio. Può aiutare un accompagnamento musicale con suono di batteria molto forte, ma non è necessario. I partecipanti devono muovere le mani come se spingessero in avanti l’aria, mentre eseguono Ho, Ho, due volte, poi la spinta sarà verso terra, flettono le ginocchia leggermente dicendo Ha Ha 2 volte, girando e danzando.

La risata Calcutta è molto simile, ma questa si esegue molto più lentamente con HO, HO e HA, HA che vengono sussurrati, oppure c’è silenzio.

L’enfasi, in questo caso, risiede nella danza tipo sogno e nella fase di radicamento, prodotto spingendo le mani verso terra con leggera flessione delle ginocchia. E’ consigliabile continuare questo esercizio per 10 minuti.

8. E ALTRO DA SCOPRIRE

Ecco, adesso sai molto sullo Yoga della risata.

Sei pronto per praticarlo, per viverlo. Per ridere e star bene.

Ci sono altri aspetti che si apprendono nei Seminari di certificazione per diventare Leader di Yoga della risata.

Lì si impara a guidare le sessioni di Yoga della risata e a condurre un Club della risata.

Nelle altre pagine troverai i programmi delle iniziative in atto o da attuare proposte da me e da Mariastefania Facchinetti, Teacher e Leader della Laughter Yoga International.

E adesso, forza … Ridi con noi!

Ho, Ho, Ha, Ha, Ha.


Clicca qui per tornare alla pagina di presentazione generale.