Articoli marcati con tag ‘sonetto 146’

Pulire!

Pulire. Sì. Per scelta. E non è solo una questione igienica.

Pulire è la nobile azione di è consapevole che c’è della spazzatura nella propria casa.

Nulla però che abbia a che fare con la morale o la giustizia, cose tutte create dagli uomini. No, pulire è un’attività spirituale. Ed essa matura quando diventa chiaro che le scelte che facciamo sono già fatte prima di farle. In quella parte dentro di noi che è più Noi di quanto possiamo immaginare.

Per dirla in altra maniera, è vero quel che ho sentito dire da un saggio: “Un problema non è un problema a meno che noi non diciamo che lo sia. E un problema non è il problema. Come reagiamo ad un problema è il problema“.

Quando capiamo questo, diventiamo umili e rinunciamo finalmente a capire tutto: è il momento in cui ci mettiamo all’opera per pulire la nostra casa da tutto ciò che continua a ripetersi nella nostra vita. Allora si fa giorno. Non temiamo più nulla. Neppure il peggior nemico. 

L’unica scelta sensata è ormai iniziare a comprare eternità divine vendendo ore di fango. Nessuna fatica più a forzare gli eventi, solo limpido scorrere nella pace dello spirito.


Pulire apre le porte al miracolo. Accade l’impensabile. Si realizza la vittoria delle vittorie: così ti nutrirai di Morte che di uomini si nutre e con Morte morta, si estinguerà il morire.

Sì, aveva intuito tutto Shakesperare. Nel suo sonetto 146 svela all’umanità la strada.

      Povera anima, centro della mia peccaminosa terra
(schiava di) queste brame ardenti che ti ammantano,
perché dentro ti distruggi e misera sopporti
per decorar le tue pareti di costosa ostentazione?

      Perché sì alto prezzo per un sì breve affitto,
sprechi tu pagando questa effimera dimora?
Dovranno forse i vermi, eredi di tanti eccessi,
divorar ogni ricchezza? È tale il fine del tuo corpo?

     Allora anima sfrutta la rovina del tuo servo
e lascia che patisca per aumentar le tue risorse
compera eternità divine vendendo ore di fango,
pasciati del tuo spirito, senza più sfarzo esterno,

      così ti nutrirai di Morte che di uomini si nutre
e con Morte morta, si estinguerà il morire.

 

Vuoi saperne di più?
Inserisci il semplice nome e la tua mail e...

Nome:

Email:



... riceverai gratuitamente i miei articoli di formazione personale.